“... anche oggi ci sono cittadini per i quali la città è come non esistesse. (...) La fraternità può realizzare nella città libertà e uguaglianza, che consiste nel creare le condizioni perché ciascuno, cittadino, famiglia, associazione, azienda, scuola, possa esprimere la propria personalità e dare il meglio di sé. (...)  La città, così, non viene governata dall'alto, ma è sollevata dal basso, e la politica assume il ruolo dello stelo che sostiene il fiorire delle iniziative pensate dai o insieme ai cittadini, diventa vero servizio unificando verso il bene comune gli sforzi di tutti.”
Chiara Lubich al Consiglio comunale di Trento, 8 giugno 2001

I percorsi che le civiltà hanno conosciuto per dare forma, regole e istituzioni, alla convivenza tra le persone sono i più vari. La storia del concetto di democrazia, il suo approfondimento e il suo esercizio lungo i secoli, è uno di questi cammini, tuttora aperto, tuttora ricco di significati e di prospettive da esplorare. 

Una delle principali dimensioni democratiche a cui la modernità sta dando il massimo rilievo è la partecipazione politica: il suo aggancio in profondità con l’idea stessa di democrazia la rende, infatti, uno degli indicatori più importanti e decisivi. Al punto che oggi si parla della crescita della partecipazione come di un punto di svolta che si rende sempre più evidente, un vero e proprio cambio di paradigma nell'esercizio della politica. 

La domanda di partecipazione continua a crescere. Negli ultimi decenni, è stata in particolare la voce della società civile a rappresentare la partecipazione come un'esigenza inesauribile di coinvolgimento nella costruzione della convivenza, come un carattere costitutivo dello struttura umana che chiede di esprimersi in prima persona anche nell'ambito pubblico. 

I cittadini, e in particolare i giovani, chiedono di portare il proprio contributo chiudendo i conti con una concezione antagonistica fra istituzioni e società civile, tra centro e periferia; reclamano di superare prassi verticistiche e decisioniste per sperimentare nuovi luoghi e strumenti nella elaborazione e nell'attuazione delle politiche pubbliche. Dove la scelta di partecipare alla vicenda comune scaturisce anzitutto dalla condivisione di un'appartenenza: siamo parte, prima ancora di prendere parte.

Lungo questo percorso, sono i legami tra le persone a venire in nuova luce, a esigere un nuovo riconoscimento e una nuova definizione all'interno dell'assetto democratico. Ma mettere al centro della costruzione il legame sociale e rispettare genericamente l'azione partecipativa che lo esprime, non basta. E' necessario attraversare le ambiguità e le contraddizioni che caratterizzano le relazioni umane, nel privato come nel pubblico: serve orientare l'azione al bene, alla giustizia, alla pace, serve dare qualità precise alla partecipazione e di conseguenza alla democrazia che si fonda su di essa. In questa luce abbiamo fatto una scelta: dare alla partecipazione politica le qualità della fraternità universale, della libertà e della responsabilità, dell'iniziativa e dell'accoglienza, della capacità di dialogo e di integrazione, della riconciliazione…

Allora il senso della cittadinanza e l'esercizio della partecipazione riceve una profondità diversa, finora spesso trascurata o manipolata. Non si tratta soltanto di estendere e perfezionare una serie di meccanismi decisionali, ma di investire specifiche risorse per la costruzione e la cura della comunità civile, perchè sia in grado di generare il capitale sociale necessario per poter intervenire sulle fratture culturali e sociali che sfibrano la nostra convivenza. 

Siamo convinti che, per lo stesso motivo per cui la distanza drammatica tra mondi sociali e istituzioni della politica dice il profondo disorientamento della democrazia moderna, così lo sviluppo di una cultura fraterna della partecipazione può rappresentare un cardine di quel rinnovamento democratico che tutti auspichiamo.

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.